Regalità, sacerdozio e cristomimesi: l’Anonimo Normanno